laboratorio "La Tineola"

Home

Il progetto

Rorà

La scuola di artigianato

La lana

Razze ovine autoctone

Caratteristiche fisiche

Il feltro e i manufatti

La tarma

La nostra storia...

Il marchio

Realtà al margine

Microeconomia montana

Incontri, corsi e fiere

Amici

Contatti

La lana: una materia prima rinnovabile e preziosa


Attualmente la lana locale è considerata uno scarto di difficile smaltimento o un prodotto di scarso (per non dire nullo) valore commerciale.

Aprile 2005: Cumiana (TO), tosatura primaverile Settembre 2005: Malciaussia (TO), tosatura autunnale


La tosatura è però un passaggio indispensabile dell'allevamento ovino, viene effettuata solo per necessità e non per il valore intrinseco della lana; di conseguenza si cerca di ridurre al massimo i costi e velocizzare i tempi.
Numerosi allevatori (soprattutto aziende medio - piccole) preferiscono aiutarsi a vicenda durante l'operazione di tosatura, piuttosto che affidarsi a un professionista.
La tosatura avviene di solito fra gennaio e febbraio. In questo periodo, dopo un inverno trascorso nelle stalle, gli animali hanno velli particolarmente succidi (paglia, escrementi) e gli allevatori hanno un periodo tranquillo di lavoro per dedicarsi a questo impegno poco redditizio.
Per un migliore e più facile utilizzo della lana i velli andrebbero divisi in:
- agnelli e adulti
- bianchi e colorati
- sani e con difetti
Dovrebbero venire scartate tutte le parti qualitativamente scadenti e i velli essere piegati secondo una piegatura internazionale.
Purtroppo tutte queste operazioni non vengono effettuate e la lana succida, ammucchiata disordinatamente in sacchi perde qualsiasi valore di mercato.
Per questi motivi anche le industrie che potrebbero essere interessate a partite di lana locale non ne fanno più richiesta.
Il lavaggio della lana succida avviene solo per grossi quantitativi a livello industriale. In Italia ci sono ormai poche realtà disposte a lavare quantitativi inferiori ai cinquecento chili.
Per uso personale è possibile lavare quantità minime direttamente in una vasca all'aperto.
L'operazione manuale di lavaggio è abbastanza facile, richiede solo tempo, tanta acqua e spazi adeguati ( per l'asciugatura). Inoltre, senza i dovuti filtri, c'è il problema (dipende quanta lana viene lavata) dell'inquinamento delle acque: fanghi e lanolina. Attenzione agli scarichi!
Per la cardatura in fogli ci sono ancora alcune aziende disposte a cardare piccoli quantitativi. Dopo la cardatura la lana può essere sottoposta a svariate lavorazioni.
In Val Pellice non c'è più una significativa realtà di lavorazione della lana locale, ma c' è un feltrificio funzionante che anche se ormai acquista lana importata già lavata è interessato alla questione.

Al momento laviamo circa un centinaio di chili di lana. Cerchiamo allevamenti che non usino pesticidi e sostanze tossiche e che seguano dei criteri di tipo biologico. Per quanto gli allevatori da cui ci forniamo tosino in maniera più attenta, la lana è comunque molto sporca. Il lavaggio lo facciamo con acqua di torrente, il lavoro più lungo non è eliminare il grasso (con L'acqua fredda si scioglie appena un po'), ma tutta la paglia, erbe varie, escrementi…
La lana bagnata è molto pesante! Bisogna stenderla all'ombra (meglio) e lasciarla asciugare muovendola alcune volte. Se il clima è favorevole nel giro di tre giorni è perfettamente asciutta. Una volta asciutta la portiamo a cardare presso un materassaio di fiducia (essenziale se si vuole essere certi di riavere la propria lana). Per problemi di trasporto facciamo cardare circa venti - trenta chili alla volta. Dopo l'operazione di cardatura la lana può essere utilizzata per svariati impieghi.
Con un po' di fantasia si possono creare tessuti, filati, trapunte, oggetti d'arredamento… o magari utilizzarla in maniera insolita e originale per chissà quale scopo!
Diversamente anche l'industria può offrire delle interessanti lavorazioni. Potrebbe essere utile un' interazione fra produzione industriale e lavorazione artistico - artigianale. Attualmente noi abbiamo una piccola collaborazione con il feltrificio "Nuova Crumière" di Villar Pellice per la realizzazione di tappeti in feltro agugliato con lana di razza sambucana.
Filiamo con l'arcolaio e il fuso, ma la lavorazione è molto lunga e perciò poco remunerativa; si fila soprattutto per uso personale e per promuovere e tramandare quest'arte tra i più giovani.
Il feltro invece è più immediato come realizzazione e ultimamente è anche di moda; attraverso questa lavorazione si possono ottenere numerosi manufatti: cappelli, calzature, borse, pupazzi, tappeti, oggetti di arredamento, ornamenti per il corpo…
Noi utilizziamo acqua calda e sapone di Marsiglia; la tecnica è semplice e non richiede attrezzature specifiche.
Anche i bambini e gli anziani possono facilmente realizzare delle pezze; si sviluppa una buona manualità e si utilizza prevalentemente il tatto. Per questo motivo l'attività può essere a carattere didattico - ricreativo.


La lana può essere tinta sia prima sia dopo l'operazione di infeltrimento, con tinture chimiche o naturali.
Noi tingiamo con le erbe e le piante presenti sul territorio.

La nostra lavorazione ci permette di inserire i manufatti tra i prodotti naturali, non trattati, all'interno di fiere e mostre del biologico.